• "L'economia sociale e solidale è un sogno che stiamo sognando da 200 anni. [...] Sta a noi di unire le nostre competenze e unire i nostri sforzi."

    - Paul Singer, Segretario Nazionale della economia solidale in Brasile

    Che cosa è l’economia solidale?

    Esistono diverse definizioni di economia solidale. Tuttavia, abbiamo scelto quella proposta da RIPESS, la rete internazionale per l'economia sociale e solidale:

    "L'economia sociale e solidale è un movimento che mira a cambiare l'attuale sistema economico e sociale.  I principi dell'ESS costituiscono un nuovo punto di partenza che si basa su scambi solidali che collegano le esigenze individuali con quelle della comunità."

    Questo potrebbe sembrare piuttosto complicato, ma in poche parole significa poter creare condizioni di vita dignitose per tutti in tutto il mondo. Ciò significa che l'economia dovrebbe soddisfare le esigenze di tutte le persone considerandole cittadini portatori di diritti invece che consumatori e azionisti, e che la politica nazionale e internazionale dovrebbe creare le condizioni per consentire la realizzazione di questo obiettivo.

    Come funziona l'economia solidale?

    In questo momento storico, sempre più persone hanno deciso di agire in modo differente, condividendo, scambiando, usando risorse e producendo prodotti e servizi sostenibili tutti assieme. Un approccio innovativo dal basso sta costruendo una visione alternativa e concreta dove le persone sono coinvolte in una nuova politica cooperativa basata su scelte quotidiane semplici da fare: consumare beni sostenibili, utilizzare prodotti del commercio equo, sostenere l'economia e i produttori locali e rendere la transizione ecologica e sociale una realtà per tutti.

    Chi è l’economia solidale?

    Migliaia di cooperative, di organizzazioni dal basso, imprese sociali, piccole associazioni sono la principale infrastruttura del movimento dell'ESS in tutto il mondo: iniziative autorganizzate messe in campo da persone comuni rappresentano la principale risposta a un modello di sviluppo basato sui mercati, guidato più dagli interessi privati che dai bisogni e dai diritti delle comunità.
    Reti e coordinamenti si sono impegnati negli ultimi anni con l'obiettivo di consolidare un nuovo tessuto economico e di stimolare i decisori politici di tenere in considerazione percorsi innovativi di sostenibilità. Gli enti pubblici potrebbero giocare un ruolo sostanziale nel facilitare la partecipazione dei cittadini nel casmbiamento sociale necessario.

    Che cosa è SUSY?

    Il progetto SUSY riunisce e mostra esempi di economia solidale, in modo che le persone coinvolte e interessate ad iniziative solidali possano fare rete tra di loro ed interagire, e siano in grado di condividere e aprire l'idea di economia solidale per sempre più persone. Con la raccolta e la condivisione di questi esempi, ci proponiamo di acquisire nuove conoscenze nell'economia solidale. Ci auguriamo di poter attivare riflessioni e discussioni, al fine di scoprire e intraprendere sempre più opportunità e possibilità future per l'economia solidale. Allo stesso tempo - come altre iniziative dell'economia solidale - stiamo costruendo legami con i decisori politici in modo da aumentare il loro sostegno per un modo alternativo di fare le cose.

    Siamo una rete di 26 associazioni in 23 paesi europei, impegnati nel miglioramento delle competenze degli attori locali che si occupano di economia sociale e solidale, sostenendo un nuovo paradigma di sviluppo economico, al fine di combattere la povertà e diffondere un modo equo e sostenibile di vivere.


    SUSY PARTNER IN ITALIA


    This website has been produced with the financial assistance of the European Union. The contents of this website are the sole responsibility of the SUSY initiative and can under no circumstances be regarded as reflecting the position of the European Union.

    Facebook
    Twitter
    Youtube